Image-empty-state.png

Luigi Einaudi

Pubblicista, oppositore del fascismo, deputato della Costituente, Ministro del Bilancio e Presidente della Repubblica Italiana dal 1948 al 1955, nella cui carica si distinse per l'estrema correttezza costituzionale. In generale, di fronte allo svilupparsi di pericolosi privilegi e concentrazioni di potere, egli sostenne decisamente posizioni "neoliberali": denuncia cioè, proprio in nome delle premesse ritenute tuttora valide dell'economia classica, delle crescenti violazioni del meccanismo della concorrenza e richiesta degli interventi e dei vincoli giuridici necessari a ripristinare e difendere la libertà di mercato.